Dolomiti Brenta Trek Mini, giorno 1, con i bambini in un trekking bellissimo tra le Dolomiti del Brenta | Dolomitiebambini - Dolomiti & Bambini

Vai ai contenuti
DOLOMITI BRENTA TREK – MINI
 
GIORNO 1 – INIZIA UNA NUOVA AVVENTURA
Il nostro ultimo trekking di più giorni è stato sulle Dolomiti del Brenta, uno dei gruppi dolomitici riconosciuti Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, inseriti nel Parco Naturale Adamello Brenta.
Il Dolomiti Brenta Trek è un giro molto lungo di circa km 90, che attraversa sentieri, ferrate, tratti esposti quindi da fare con l’attrezzatura necessaria e con ottime conoscenze del territorio montano. Un tour per gli appassionati dei grandi trekking, che consiste in un percorso ad anello attorno al massiccio montuoso del Brenta.
Punto di partenza di questo trekking è il Lago di Tovel, un lago alpino situato nella Val di Tovel a mt 1178, all’interno del Parco Naturale Adamello Brenta, molto famoso in tutto il mondo per il fenomeno dell’arrossamento delle sue acque, che avveniva fino al 1964, per azione di un’alga, e detto anche lago degli orsi, perché sono presenti alcuni orsi bruni nella valle.
Lasciamo la macchina nel parcheggio più vicino, prendiamo gli zaini ed in 5 minuti a piedi raggiungiamo proprio le sponde del lago, il quale, con le sue acque cristalline, richiama proprio ad una sosta rilassante, ma, non possiamo, perché dobbiamo metterci in marcia.
Noi però lo abbiamo fatto in versione ridotta, ovvero studiato per poterlo affrontare agevolmente con i bambini. Sarà sempre un percorso ad anello da fare in tre giorni, sviluppato su sentieri percorribili facilmente anche dai bambini, quindi senza vie ferrate in mezzo o tratti troppo esposti, percorrendo in totale km 41, con un dislivello complessivo di mt 2600.
Avete voglia di partire insieme a noi in quest’altra fantastica avventura? Allora andate avanti a leggere tutto l’articolo.
Per raggiungerlo bisogna arrivare in macchina alla località di Tuenno, in provincia di Trento, facente parte del Comune di Ville d’Anaunia, per poi seguire sulla SP14 fino ai parcheggi del lago.
Ci sono vari parcheggi dislocati lungo la Val di Tovel, dove poter lasciare la macchina, e dal 18 giugno 2022 fino al 25 settembre sono tutti a pagamento. Se volete essere sicuri di riuscire a lasciarla in quello più vicino al lago è consigliata la prenotazione tramite il sito del Parco Adamello Brenta. Il costo nel fine settimana per il primo giorno è di euro 10 se acquistate il biglietto online altrimenti 12 se pagate in loco, euro 3 per i giorni successivi, nel caso, come noi, dovete lasciare la macchina in sosta per più tempo. Se invece andate dal lunedì al venerdì il costo è di euro 8 al giorno se acquistate il biglietto online oppure di euro 10 se pagate in loco.
Siccome l’accesso alla Val di Tovel viene regolato in funzione del riempimento dei parcheggi a monte, se vi capitasse di dover parcheggiare in quelli più lontano, se non addirittura in quelli gratuiti siti proprio all’ingresso della Valle, sarà a disposizione un servizio navetta che vi porterà fino al lago, costo euro 3 andata e ritorno.
Comunque maggiori informazioni e dettagli riguardo alla regolamentazione dei parcheggi per il Lago di Tovel la potete trovare QUI

All’altezza del Chalet Tovel, troviamo un grande pannello informativo con tutti i sentieri della Val di Tovel e le varie tempistiche, insieme alle indicazioni per la Malga Tuena, prima meta della nostra giornata.  
Percorriamo per un breve tratto il sentiero che costeggia la parte destra del lago, fino a trovare il prossimo bivio dal quale teniamo decisamente la destra cominciando ad allontanarci dal lago.
Proseguiamo sul sentiero 309, una comoda strada forestale in continua ma accettabile salita, per circa km 2, fino a trovare un altro bivio dal quale teniamo la sinistra e dove la strada adesso diventa sentiero nel bosco.
Da qui si fa veramente tosta, la salita non lascia mai un attimo di respiro, per fortuna siamo all’ombra perché faceva un caldo terribile, fino a quando la vegetazione comincia ad aprirsi e dal bosco si passa ai pascoli appena sotto la malga.
Ancora un ultimo sforzo e arriviamo a Malga Tuena (mt 1740), sita in un posto a dir poco affascinante, dove il verde dei prati fa contrasto con l’azzurro del cielo e le pareti nude delle montagne. Uno spettacolo!
È ora di pranzo e ci fermiamo per una meritata pausa, mangiamo come primo giorno un veloce pranzo al sacco per poi gustarci in malga dei dolci e bere qualcosa di dissetante. Ci consigliano una bevanda a base di succo di mela e acqua frizzante e devo dire, nonostante le prime incertezze, che era proprio buona.
Ripartiamo per il nostro giro, seguendo da dietro la malga i cartelli riportanti le indicazioni per Malga Pozzol e Malga Flavona e la scritta Dolomiti Brenta Trek. Proseguiamo di nuovo su una comoda strada sterrata in leggera salita, percorrendo per un breve tratto il sentiero 310, dove ogni piccola parte d’ombra era una scusa per ripararci dal caldo, fino ad arrivare alla località Val Madris (mt 1820), dove incrociamo il sentiero 380 che prendiamo per procedere verso la Malga Pozzol. Da qui la strada diventa di nuovo sentiero e continuando ancora un po’ a salire, arriviamo ad un altro bivio sito nel punto più alto di questo tratto; da qui infatti iniziamo a scendere.
Sarà una lunga ed estenuante discesa, prima seguendo un classico sentierino di montagna tra tratti nel bosco e tratti dove la vegetazione si apriva lasciando spazio ad una meravigliosa vista sulle montagne, fino ad arrivare a prendere il sentiero 312, dove un’esile traccia sull’erba, quasi inesistente, come quasi inesistenti sono i segnavia e dove è meglio avere un buon senso dell’orientamento, ci fornisce la direzione da seguire.
Il sentiero è a tratti un po’ esposto e ad un certo punto ci troviamo a percorrere anche un, seppur breve, tratto di sentiero attrezzato, che non comporta comunque particolari difficoltà, per poi continuare in mezzo al bosco fino ad arrivare ad incrociare il sentiero che arriva direttamente dal Lago di Tovel. Svoltando quindi a destra proseguiamo sul sentiero 314, una larga e comoda strada forestale, sempre in leggera salita, costeggiando quasi sempre le dolci acque del Rio Tresenga, arrivando così ai pascoli aperti di Malga Pozzol (mt 1632). Un ultima breve salita ci porta alla malga, dove facciamo una piccola pausa merenda prima di ripartire per la nostra ultima meta.

Zaini in spalla e andiamo. Ci lasciamo la malga alle spalle e prendiamo adesso il sentiero 371, seguendo le indicazioni per Malga Flavona. Subito ci troviamo ad attraversare un ponte di legno dove sotto scorre il torrente per poi proseguire su un classico sentiero di montagna in mezzo al bosco, in costante e molto tosta salita; ormai la stanchezza della giornata si faceva sentire. Una volta usciti dal bosco si apre davanti a noi una magnifica radura dove poco più lontano vediamo Malga Flavona (mt 1860) circondata dalle maestose Dolomiti del Brenta.
Oltre ad essere un posto paesaggisticamente unico, anche la malga con il suo bivacco non è da meno. Il piano sotto è adibito a cucina, con stoviglie, pentole e una dispensa, acqua calda, sempre disponibile e corrente elettrica. Al piano superiore invece si trovano sette posti letto con materassino. Sembrava di essere a casa, e li abbiamo passato la notte senza dover usare le tende.
Dislivello: mt 1193 positivo; mt 517 negativo;
Tempo di percorrenza: 6 ore e 20 minuti di cammino
Dal Lago di Tovel alla Malga Tuena 1 ora e 45 minuti; dalla Malga Tuena alla Malga Pozzol 3 ore e 45 minuti; da Malga Pozzol a Malga Flavona 50 minuti;
Lunghezza del percorso: km 14,410
Cartografia: Tabacco 1:25.000, Foglio 53, Dolomiti di Brenta
LASCIA UN COMMENTO
Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Non sono presenti ancora recensioni.
0
0
0
0
0

Questo sito usa il controllo anti-spam Captcha.
ARTICOLI CORRELATI
Dolomiti Brenta Trek - Mini - Giorno 2
Dolomiti Brenta Trek Mini - Giorno 3
con i bambini in un trekking bellissimo tra le Dolomiti del Brenta
Dolomiti & Bambini
Copyright © 2019 - 2022 - All rights reserved
Torna ai contenuti