Col de la Puina con i bambini su una cima poco conosciuta dalla quale si può ammirare un panorama grandioso | Dolomitiebambini - Dolomiti & Bambini

Vai ai contenuti
COL DE LA PUINA
Siamo ormai a fine ottobre ma il tempo continua a regalarci ancora delle bellissime giornate e come non approfittarne per qualche uscita.
Una bellissima escursione che ci ha portato in cima al Col de la Puina.
Quante volte siamo andati a camminare sia d'estate che d'inverno verso il Rifugio Città di Fiume, e quante e quante volte ancora, percorrendo la strada tra Borca e Cortina, abbiamo girato lo sguardo verso destra per ammirare l'imponenza del Pelmo, senza dare importanza ad altre cime li vicino molto più piccole.
Ed invece lì vicino c'era lei, la cima Col de la Puina (mt 2254), scoperta quasi per caso, con la sua particolare forma  a tronco di cono, dalla quale oltre a poter ammirare un panorama grandioso, si può considerare un punto di osservazzione molto spettacolare verso il Pelmo.
Se l'escursione vi ha suscitato un pò di interesse allora, venite con noi, per sapere come ci si arriva.
In macchina da Forno di Zoldo siamo saliti al Passo Staulanza.
Arrivati in cima siamo scesi dall’altra parte e all’altezza del terzo tornante, abbiamo preso la stradina sterrata che si stacca verso destra, trovando un parcheggio e le indicazioni per il Rifugio Città di Fiume.
Da lì, ci siamo incamminati su una comoda strada forestale, sempre in costante ma leggera salita, passando per primo la Malga Fiorentina fino ad arrivare in circa 45 minuti al rifugio.
Magnifica la costante vista sul Monte Pelmo e magnifici i colori che ci circondavano.
Non ci fermiamo ma proseguiamo subito.
Continuiamo a salire per un breve tratto, seguendo la strada sterrata che passa dietro al rifugio.
ATTENZIONE adesso, perché il sentiero per arrivare in cima al Col de la Puina non è segnalato.
Quando sulla destra, vicino ad un albero, vediamo un paletto rosso, iniziamo a salire, seguendo un’evidente traccia sull’erba.
La traccia rimonta, abbastanza ripidamente, il crinale erboso e scarsamente alberato della montagna.
Sorpassiamo la zona d’ombra e finalmente un tiepido sole ci scalda in una giornata, che, anche se bellissima, era piuttosto freddina.
Anche il colore degli alberi sembra diverso, il giallo si accende ancora di più creando delle sfumature surreali.
Intanto continuiamo a salire. Proseguiamo in cresta alla montagna, la salita si fa sentire sempre di più, fino a dover affrontare proprio l’ultimo tratto che, con alcuni corti zig zag su terreno detritico ed instabile portano sull'anticima.
Arrivati sull'anticima, attraversiamo la sottile cresta erbosa, e percorrendo ancora pochi metri raggiungiamo la croce di vetta, che seppur piccolina, sembrava la cosa più bella che avessimo mai visto.
Spettacolare il panorama che si vede da lassù e surreale il silenzio che ci avvolge.
Una volta li, l’unica cosa da fare è prendersi tutto il tempo per riempirsi gli occhi di così tanta bellezza. La vista adesso si apre, oltre al Pelmo e al Civetta, a tutta la Val Fiorentina, oltre che alla Marmolada, al Monte Cernera, i Lastoni di Formin, e poi ancora tutta la conca di San Vito di Cadore con sua maestà l’Antelao. Uno spettacolo!!
Ormai è ora di pranzo e proprio lassù con tutta la nostra attrezzatura ci prepariamo un gustoso pranzo caldo, in alternativa, facendo bene i conti per il tempo di andata e ritorno, c'è sempre poco più sotto come appoggio il Rifugio Città di Fiume.
Per il rientro seguiamo lo stesso sentiero di andata, tornando al rifugio dove questa volta ci fermiamo per un caffè e una fetta di torta.
Questa cima, è stata una bellissima scoperta, veramente da non perdere.
Dislivello: mt 583
Tempo di percorrenza: 45 minuti per arrivare al Rifugio Città di Fiume, 1 ora per arrivare alla cima
Lunghezza del percorso: km 3,7 solo andata
Cartografia: Tabacco 1:25.000, Foglio 25, Dolomiti di Zoldo Cadorine e Agordine
LASCIA UN COMMENTO
Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Non sono presenti ancora recensioni.
0
0
0
0
0

Questo sito usa il controllo anti-spam Captcha.
Dolomiti & Bambini
Copyright © 2019 - 2022 - All rights reserved
Torna ai contenuti