Dai Prati di Croda Rossa alla Val Fiscalina con i bambini ciaspolando tra le Dolomiti di Sesto | Dolomitiebambini - Dolomiti & Bambini

Vai ai contenuti
DAI PRATI DI CRODA ROSSA ALLA VAL FISCALINA
Cosa c’è di più bello che camminare nel silenzio in mezzo alla natura sentendo solo il rumore dello scricchiolio della neve sotto le ciaspole?
Questa volta vi proponiamo una ciaspolata che dai Prati di Croda Rossa va fino alla Val Fiscalina.
La Val Fiscalina è una valle di una bellezza ineguagliabile, che parte dal paese di Sesto e si introduce nel Parco Naturale Tre Cime ed è uno dei principali punti di accesso per numerosi trekking estivi.
In macchina raggiungiamo la località di Sesto, svoltiamo per la Val Fiscalina e la lasciamo nei parcheggi dell’impianto di risalita che porta ai Prati di Croda Rossa.
Prendiamo la cabinovia (prezzi euro 17, 5 per gli adulti, e 12,5 i bambini sopra gli 8 anni, solo la salita) e ci portiamo in quota vicino al Rifugio Rudi (mt 1914).
  
Subito veniamo accolti da una famiglia gigante di pupazzi di neve, dove una foto ricordo non può mancare. Sempre lì vicino, un recinto con l’unica mandria di renne in tutta Italia, diventa punto di attrazione per i bambini.
Dopo alcune foto di rito, calziamo le ciaspole a partiamo per la nostra avventura.
Dal Rifugio Rudi seguiamo da subito le indicazioni per la Val Fiscalina, dapprima seguendo il “Sentiero Invernale”, il quale ci porta, al Rifugio Prati di Croda Rossa (mt 1900), che si trova a pochissima distanza, poco più in basso, camminando su un sentiero senza intralciare le piste da sci.
Da qui, seguendo una traccia sulla neve, ci dirigiamo verso il bosco, scorgendo da lontano, anche se sotterrati un pò dalla neve, dei cartelli.
Da quel punto prendiamo il sentiero 124 e ci inoltriamo nel bosco, seguendo sempre un’evidente traccia fatta da chi è passato prima con sci d’alpinismo o ciaspole.
Sarà una continua e lunga discesa, in alcuni tratti anche abbastanza accentuata e con presenza di fondo ghiacciato; ogni tanto ci fanno compagnia i raggi del sole che timidamente penetrano tra gli alberi creando una magica atmosfera.
Tutto è ricoperto dalla neve, alcuni piccoli alberelli sembrano essersi messi un cappello bianco in testa, data la strana forma della neve sopra di essi.
Ad un certo punto arriviamo ad incrociare il sentiero 153, che porta anche questo ai Prati di Croda Rossa e vedendolo, almeno in quell’ultimo tratto, sembra anche più largo e battuto di quello appena fatto.
Svoltiamo a sinistra e dopo poco ci troviamo al parcheggio di fondovalle, precisamente al parcheggio sito nei pressi dell'albergo Dolomitenhof a quota mt 1454.
Ci togliamo le ciaspole e, seguendo un tratto di strada in falsopiano, arriviamo, in circa 30 minuti al Rifugio Fondovalle (mt 1548).
Tutto intorno un paesaggio surreale, la neve copriva qualsiasi cosa, sembrava di essere dentro ad una favola.
Essendo una meta turistica molto gettonata, sapevamo già che ci sarebbe stata molta gente; per mangiare, quindi, ci siamo dovuti mettere in fila d’attesa, ma abbiamo aspettato volentieri, perché sappiamo che li si mangia veramente bene. Intanto i bambini si intrattengo, in quel che resta, del parco giochi difronte al rifugio, in quanto sommerso dalla neve.
Dopo aver recuperato un po’ di forze, ci incamminiamo per ritornare alla macchina.
Percorriamo dapprima la stessa strada fino al parcheggio di fondovalle, dopodiché, attraversato il parcheggio, prendiamo il sentiero 102, seguendo le indicazioni per Bagni di Moso - Sesto.
Un sentiero largo e battuto ed in continua dolce discesa, caratterizzato da tante piccole baite in legno sparse in qua e in la, ci riporta proprio al parcheggio dell’impianto di risalita dove avevamo lasciato la macchina.
Dislivello negativo: mt 650
Dislivello positivo: mt 77
Lunghezza del percorso: km 9,2 in tutto
Tempo di percorrenza: 2 ore per arrivare al parcheggio di Fondovalle, 30 minuti per arrivare al Rifugio Fondovalle; 1 ora per ritornare alla macchina
Cartografia: Tabacco 1:25.000, Foglio 10, Dolomiti di Sesto
Escursione Invernale: informarsi circa l'evoluzione del manto nevoso nell'ultimo periodo in modo da prepararsi con la giusta attrezzatura; consultare i Bollettini Valanghe emessi dagli organi preposti.
LASCIA UN COMMENTO
Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *
Non sono presenti ancora recensioni.
0
0
0
0
0

Questo sito usa il controllo anti-spam Captcha.
CONTENUTI CORRELATI
Malga Foresta
con i bambini dal lago di Braies in un paesaggio da favola
Rifugio Tre Scarperi
ciaspolata con i bambini tra boschi innevati ed una favolosa discesa in slittino
Malga Nemes
con i bambini ciaspolando tra boschi innevati in Alta Pusteria
Rifugio Gigante Baranci
con i bambini alla scoperta del Regno del Gigante
Rifugio Prato Piazza e Rifugio Vallandro
con i bambini passeggiando sulla neve
Dolomiti & Bambini
Copyright © 2019 - 2022 - All rights reserved
Torna ai contenuti