Malga Foresta con i bambini dal lago di Braies in un paesaggio da favola | Dolomitiebambini - Dolomiti & Bambini

Vai ai contenuti
MALGA FORESTA
Appena siamo riusciti ad andare in montagna per la stagione invernale, questa è stata la nostra prima meta.
Anche se molto conosciuta, con un grandissimo afflusso di turisti specialmente nella stagione estiva, non potevamo non andare a vedere il Lago di Braies d’inverno.
Il lago giace ai piedi della Croda del Becco e si trova all'interno del Parco naturale di Fanes-Sennes-Braies.
Immerso nella sua solita cornice spettacolare, che in questo periodo si presenta di bianco vestita, il lago è completamente ghiacciato e volendo ci si può camminare sopra.
La sensazione, se si pensa al periodo estivo è veramente particolare.
Al posto di fare il solito giro del lago questa volta ci siamo immersi in una piacevole passeggiata, fatta più volte anche d’estate, che ci ha portato fino alla Malga Foresta.
Lasciamo la macchina nei parcheggi a disposizione e a pagamento, in fondo alla valle.
A piedi ci dirigiamo verso il lago per poi tenere la destra, proseguendo sul sentiero che porta a fare il giro del lago.
Le foto lungo il percorso sono d'obbligo, ogni angolo nasconde qualcosa di particolare e noi non vogliamo farcelo scappare.
Una volta arrivati a metà giro, abbandoniamo quel sentiero, seguendo le indicazioni per la Malga Grunwald (Malga Foresta).
Non c’era un vero e proprio sentiero battuto ma una traccia, fatta da chi è passato in precedenza, che ci ha permesso di camminare in tranquillità.
Iniziamo superando un ponticello di legno, che d'estate serve per oltrepassare un torrente, ora ricoperto di neve e quindi del tutto invisibile, per poi continuare su un sentiero, sempre in leggera pendenza, che in circa 30 minuti ci ha portato alla malga.
La camminata avviene sempre all'ombra, mentre il sole illumina solo le cime delle montagne.
In quella valle il sole nei mesi invernali non si vede molto, quindi se volete vedere il lago di Braies illuminato dal sole dovrete andare nella tarda mattinata.
La malga, mentre d'estate è aperta al pubblico e dove i bambini su quelle distese di prati verdi possono correre liberamente senza pericoli, d’inverno è chiusa, quindi per il pranzo bisogna organizzarsi diversamente, oppure bisogna tornare indietro fino al lago e mangiare qualcosa lì.
Il sentiero può essere percorso o con le ciaspole oppure con dei ramponcini che sicuramente aiutano ad avere più stabilità durante la camminata mentre piano piano si assapora tutta la pace e la tranquillità di quel posto immersi in un paesaggio da favola.
  
Torniamo indietro seguendo la stessa traccia dell'andata, ma una volta arrivati al lago al posto di fare il percorso che costeggia il lago, ci passiamo in mezzo, camminando sopra le acque ghiacciate.
La sensazione che si prova è veramente strana, un'esperienza che i bambini devono assolutamente provare.
Una volta arrivati sotto la casetta in legno dove di solito in estate sono attraccate le barchette, cominciamo a risalire, avvicinandoci all'hotel e tornando così alla macchina.
Dislivello: mt 100
Lunghezza del percorso: km 6 circa tra andata e ritorno
Tempo di percorrenza: 20 minuti circa per fare metà giro del lago, 30 minuti per arrivare alla malga

LASCIA UN COMMENTO
Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Non sono presenti ancora recensioni.
0
0
0
0
0

Questo sito usa il controllo anti-spam Captcha.
CONTENUTI CORRELATI
Rifugio Gigante Baranci
con i bambini alla scoperta del Regno del Gigante
Dai Prati di Croda Rossa alla Val Fiscalina
con i bambini ciaspolando tra le Dolomiti di Sesto
Malga Nemes
con i bambini ciaspolando tra boschi innevato in Alta Pusteria
Rifugio Tre Scarperi
ciaspolata con i bambini tra boschi innevati ed una favolosa discesa in slittino
Rifugio Prato Piazza e Rifugio Vallandro
con i bambini passeggiando sulla neve
Dolomiti & Bambini
Copyright © 2019 - 2022 - All rights reserved
Torna ai contenuti