Monte Verena e Monte Rossapoan con i bambini sulle Prealpi Vicentine tra natura e storia | Dolomitiebambini - Dolomiti & Bambini

Vai ai contenuti
MONTE VERENA E MONTE ROSSAPOAN
  
Questa escursione si trova sull’Altopiano dei Sette Comuni di Asiago, conosciuto anche col nome di Altopiano di Asiago.
Un vasto altopiano che si trova sulle Prealpi Vicentine, a cavallo tra la parte della provincia di Vicenza e la parte della provincia autonoma di Trento.
Nostro punto di partenza per questa giornata è il Rifugio Verenetta e ci si arriva raggiungendo il paese di Roana sull'altopiano di Asiago e poi seguendo le indicazioni per la località Verenetta dove ci sono gli impianti sciistici.
La strada per arrivare qui, non presenta nessun tipo di problema, in quanto è sempre asfaltata, quindi si può tranquillamente arrivare in macchina e la si può lasciare nel grande parcheggio a disposizione vicino al rifugio.
Non ci incamminiamo subito per il Monte Verena, e ve lo sconsiglio perché si dovrebbe risalire la pista da sci (la faremo in discesa al ritorno), ma la prendiamo più larga passando anche per il Monte Rossapoan.
Sarà un giro ad anello veramente molto bello. Siete pronti a venire con noi?
Dal parcheggio seguiamo le indicazioni “Variante per Monte Verena - Sentiero CAI 820”, che ci portano proprio all'inizio del parcheggio, da dove parte un sentiero che si inoltra nel bosco.
Iniziamo in modo spedito, in quanto pianeggiante, percorrendo una larga e comoda strada sterrata. Ad un certo punto un cartello ci invita a svoltare a sinistra, si potrebbe anche proseguire dritto, ma vi consiglio di fare la svolta, perchè, anche se per un breve tratto si percorre un Sentiero Natura. Molto bello, dove si possono trovare informazioni relative alle piante che formano quei boschi e degli animali che ci vivono.
Alla fine di questo tratto, si sbuca di nuovo sulla strada sterrata affiancata su entrambi i lati da un fitto bosco di abeti.
In continua ma leggera salita, ammirando intanto gli alberi con i magnifici colori che l’autunno regala, arriviamo in località Croce del Civello (mt 1697).
Teniamo leggermente la sinistra e continuiamo sempre sul sentiero 820, e sempre su una comoda strada sterrata.
Attenzione al prossimo bivio che si incontra, in località Quota (mt 1739) perché se si prosegue verso sinistra si va diretti al Rifugio Forte Verena, mentre andando verso destra, quello che abbiamo fatto noi, si passa prima per il Monte Rossapoan.
Adesso ci aspetta un lungo tratto all’inizio in leggerissima salita per poi trovare un po’ di discesa, dove ci gustiamo veramente la giornata, con i suoi colori e il suo tepore.
Arriviamo così a Malga Verena (mt 1705).
Un’altro bivio ci attende ed anche l’inizio della salita.
Da adesso si prosegue nel bosco dove bisogna fare molta attenzione ai segnavia che ci sono nella roccia o sugli alberi perché, in alcuni punti, è veramente facile perdere il tracciato. Quindi vi consiglio di tornare indietro se per un lungo tratto non vedete più i segnavia.
Intanto anche la pendenza della salita cambia e si fa più sostenuta. Passiamo l’Abisso Spiller, una cavità molto profonda, e continuiamo sul nostro tracciato fino a vedere più in alto dei cartelli.
Siamo arrivati al Monte Rossapoan (mt 1890).
Una piccola deviazione a destra, porta in cinque minuti alla postazione dell’ex Batteria Rossapoan, dalla quale si può vedere un panorama veramente unico, spaziando sull'altopiano dei sette comuni, con Cima Portule e Cima Mandriolo. Quindi consiglio di andarci.
Qui, visto l’ora, facciamo, anche una pausa per il pranzo. Questa volta niente panini, ma avevamo portato tutto l’occorrente per mangiare qualcosa di caldo. Un’esperienza che ai bambini è piaciuta moltissimo.
Torniamo al bivio di prima e proseguendo adesso dalla parte opposta, facendo qualche tornate sempre in salita, camminando su una larga mulattiera, arriviamo in poco tempo al Monte Verena (mt 2015).
Qui si può trovare il Forte Verena visitabile gratuitamente anche all’interno (quello che è rimasto) e il Rifugio Forte Verena.
Al Forte, costruito tra il 1910 e il 1914, e soprannominato il "Dominatore dell'altopiano", fu attribuito il primato di aver sparato all’alba del 24 maggio 1915, il primo colpo di cannone della prima guerra mondiale contro le fortezze dell’impero astro-ungarico.
Anche qui il panorama è veramente meraviglioso, in più complice la bella giornata la vista poteva spaziare veramente lontano.
È ora di scendere. Non facciamo la stessa strada dell’andata, ma anche se restiamo sempre sul sentiero 820, questa volta seguiamo le indicazioni per Casera Campovecchio.
Inizialmente si scende molto ripidamente seguendo la pista da sci, segnavia sempre su roccia o alberi, fino ad incrociare una strada sterrata. A questo punto, decidiamo di seguire la strada sterrata arrivando giusto dietro al Rifugio Verenetta dove avevamo lasciato la macchina.
Dislivello: mt 493
Tempo di percorrenza: 1 orae 50 minuti per arrivare al Monte Rossapoan, 30 minuti per arrivare al Monte Verena, 45 minuti per tornare alla macchina
Lunghezza del percorso: km 10,45 tutto il giro
Cartografia: Tabacco 1:25.000, Foglio 50, Altopiano dei Sette Comuni Asiago - Ortigara
LASCIA UN COMMENTO
Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *
Non sono presenti ancora recensioni.
0
0
0
0
0

Questo sito usa il controllo anti-spam Captcha.
Rifugio Campogrosso e Ponte Tibetano Avis
Con i bambini in una bellissima avventura a Valli del Pasubio
Rifugio Generale Achille Papa e Strada delle 52 Gallerie
Con i bambini un'escursione storica nelle Valli del Pasubio
Dolomiti & Bambini
Copyright © 2019 - 2022 - All rights reserved
Torna ai contenuti