Passo Stalle slittando con i bambini fino al Lago di Anterselva | Dolomitiebambini - Dolomiti & Bambini

Vai ai contenuti
PASSO STALLE
Un modo per far camminare più volentieri i bambini d’inverno è sapere che poi al ritorno faranno una bellissima discesa in slittino.
Avete mai provato quella del Passo Stalle?
Siamo al Lago di Anterselva, meta turistica molto gettonata sia d’estate che d’inverno. Il lago è situato nell'omonima Valle di Anterselva, una vallata laterale della Val Pusteria, a mt 1642, ed è attorniato dalle meravigliose vette del Parco Naturale Vedrette di Ries-Aurina.
Anche in questa stagione, nonostante il lago sia ghiacciato e ci si può perfino camminare sopra, il posto assume un suo fascino particolare.
E proprio in merito a questo lago esiste una leggenda, su come si sia formato.
Si narra che........
"Tanto tempo fa nella zona dove oggi c'è il lago di Anterselva si trovavano tre masi, dove vivevano tre famiglie di contadini e boscaioli. Purtroppo, però, gli abitanti dei masi erano molto avari e duri di cuore.
Un giorno arrivò alla sagra del paese un vecchio mendicante e chiese l'elemosina ai contadini. Veniva da lontano e aveva percorso un sentiero faticoso e sassoso, perciò chiedeva un posto per dormire e qualcosa da mangiare prima di rimettersi in cammino.
I ricchi contadini però si presero gioco di lui e gli diedero solo un tozzo di pane ammuffito. Quindi il poveretto dovette rimettersi in cammino per raggiungere il fondovalle, ancora molto lontano.
Arrabbiato, prima di ripartire, gridò:
    Vedrete che arriverà una tempesta; pioverà e la pioggia sarà così abbondante che ne avrete abbastanza per tutta la vita!
    Inoltre fra qualche giorno dietro le vostre case nascerà una sorgente e poi vedrete quello che succederà!
    I contadini non badarono alle parole del mendicante e lo cacciarono.
    Per tre giorni non successe niente. Il quarto però dietro ad ogni casa sgorgò una sorgente e ben presto le sorgenti si ingrandirono fino a sommergere i masi degli avari contadini.
    Quindi il cielo si oscurò, i fulmini caddero sulla valle e i tuoni rimbombarono, coprendo perfino le voci degli abitanti.
    Infine dalle pendici dei monti si staccarono enormi valanghe che sbarrarono la valle. Così le acque del torrente, gonfio di piogge, e quelle delle sorgenti da cui sgorgava ininterrottamente acqua formarono nel giro di poche ore un lago."
La macchina la lasciamo nei parcheggi vicino al Centro Biathlon, oltre non si può andare a meno che non si sia clienti dell'hotel, e poi proseguiamo a piedi.
Facendo o il classico giro del lago, oppure attraversando il lago ghiacciato si arriva al ristorante Platzl am See, dove si può fare una piccola sosta prima di iniziare la camminata.
Da lì si prosegue per il Passo Stalle, che d’inverno è chiuso al transito veicolare e non essendo quindi transitabile si trasforma in una emozionante pista da slittino.
Il Passo Stalle collega la Valle di Anterselva in Italia con la Valle Defereggental del Tirolo Orientale in Austria.
Si cammina sulla strada che d’estate percorrono le macchine, stando attenti a chi scende con lo slittino e con gli sci.
Si procede in continua e costante salita, passando ad un certo punto, sotto ad un tunnel,  e potendo ammirare, ad un certa altitudine, dei bellissimi scorci del lago.
Non con poca fatica, si arriva in cima al passo (mt 2052).
La stanchezza però viene subito ripagata dal panorama circostante.
Per il pranzo o ci si organizza con qualcosa di veloce, se il tempo lo permette si sta benissimo anche seduti al sole, oppure, poco più avanti, c’è il Lago Obersee, con l'omonimo rifugio sito proprio sulle sue sponde.
Il Lago Obersee sopratutto d'estate è una popolare meta di escursioni, si può camminare lungo le sue rive oppure semplicemente rilassarsi sotto il sole.
Una volta ricaricate le energie dopo la lunga camminata è tempo di divertirsi.
Ci prepariamo con bob e slittini e si parte!
Noi avevamo la nostra attrezzatura, ma gli slittini eventualmente si possono noleggiare anche lì, in loco.
Con gli slittini si arriva comunque solo fino al ristorante al lago, e questo non perchè manchi la neve successivamente, ma perchè la strada diventa pianeggiante e quindi non praticabile con gli slittini.
Per quanto bella ed affascinante sia questa escursione, non è per niente da sottovalutare, visto la lunghezza del tragitto per arrivare in cima, quindi, specialmente se in presenza di bambini magari piccoli, che questi siano abituati a camminare, considerando oltretutto che sulla neve si fa ancora più fatica.
Dislivello: mt 450
Lunghezza del percorso: Km 6,5 solo andata partendo dal centro Biathlon fino in cima al passo
Tempo di percorrenza: 2 ore e 30 minuti portando su tutta l'attrezzatura
Cartografia: Tabacco 1:25.000, Foglio 032, Valli di Anterselva e Casies
Escursione Invernale: informarsi circa l'evoluzione del manto nevoso nell'ultimo periodo in modo da prepararsi con la giusta attrezzatura; consultare i Bollettini Valanghe emessi dagli organi preposti.
LASCIA UN COMMENTO
Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Non sono presenti ancora recensioni.
0
0
0
0
0

Questo sito usa il controllo anti-spam Captcha.
Dolomiti & Bambini
Copyright © 2019 - 2022 - All rights reserved
Torna ai contenuti