Rifugio Carestiato con i bambini una facile passeggiata ai piedi della Moiazza | Dolomitiebambini - Dolomiti & Bambini

Dolomiti & Bambini
passione per la montagna
Vai ai contenuti
RIFUGIO CARESTIATO
02 Gennaio 2024
Metti un paesaggio imbiancato dopo una nevicata di appena due giorni fa, ed essere nel contempo in un posto incredibile, diventa sicuramente una giornata perfetta, in più l’escursione da fare non è per niente difficile, direi adatta a tutti, dove per tornare, anche se non sarà una discesa continua, ci si potrà divertire con bob o slittini.
In macchina bisogna salire al Passo Duran e lì lasciarla nei vari posti disponibili lungo la strada. Il Rifugio Passo Duran “C. Tomè” d’inverno è chiuso mentre l’altro, il Rifugio San Sebastiano, che si trova sempre lì vicino, è aperto, quindi da tener presente in caso si voglia fare una colazione o semplicemente bere qualcosa di caldo prima di partire.
Seguendo fin da subito l’evidente traccia che corre affianco al rifugio, si inizia a salire.
La salita si presenta subito bella sostenuta, ma non ci sarà tempo di pensare alla fatica, tanto è meraviglioso il paesaggio circostante. Tanta neve, alberi talmente carichi che i rami si piegavano, ed era da sperare che durante il passaggio non buttassero giù la neve; saremo diventati dei pupazzi di neve.
Ad un certo punto il sentierino finisce andando a sbucare sulla forestale. Da qui, seguendo comunque sempre le chiare indicazioni, bisognerà tenere la destra e seguire sempre la forestale fino ad arrivare al rifugio.
La salita rispetto a prima si addolcisce, lungo il percorso si trovano anche tratti in discesa dove i bambini potranno già divertirsi a sfrecciare con i loro bob, slittini o semplicemente delle palette da neve, ed uno in falsopiano.
Si arriva così al Rifugio Bruto Carestiato (mt 1834) dalla terrazza del quale si potrà ammirare in tutto il suo splendore la valle Agordina mentre alle sue spalle incombe la grande parete della Moiazza.
Il rifugio generalmente d’inverno è chiuso, tranne che durante le festività natalizie, il periodo in cui siamo stati noi, per eventuali altre aperture magari nei weekend, bisognerà controllare il sito internet (Vedi qui) o i vari social.
Per il ritorno si ripercorre lo stesso sentiero di andata.
La discesa come dicevo anche prima potrà essere fatta a piedi, con bob o slittino. Non sarà una discesa continua visto la presenza di vari saliscendi ma sarà di sicuro un bel divertimento.
Dislivello: mt 275
Lunghezza del percorso: km 2,7 solo andata
Tempo di percorrenza: 1 ora e 10 minuti per arrivare al rifugio;
Cartografia: Tabacco 1:25.000, Foglio 25, Dolomiti di Zoldo, Cadorine e Agordine
Escursione Invernale: informarsi circa l’evoluzione del manto nevoso nell’ultimo periodo in modo da prepararsi con la giusta attrezzatura; consultare i Bollettini Valanghe emessi dagli organi preposti.
______________________ SEGUICI SUI SOCIAL ____________________________
LASCIA UN COMMENTO
Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Non sono presenti ancora recensioni.
0
0
0
0
0

Questo sito usa il controllo anti-spam Captcha.
Dolomiti & Bambini
Copyright © 2019 - 2022 - All rights reserved
Torna ai contenuti