Sentiero I Suoni del Bosco con i bambini in una bellissima passeggiata a Caralte fino al Ponte Tibetano | Dolomitiebambini - Dolomiti & Bambini

Dolomiti & Bambini
passione per la montagna
Vai ai contenuti
SENTIERO I SUONI EL BOSCO
5 Giugno 2021
"C'era una volta in un bosco del Cadore, un villaggio di tagliaboschi e segherie"......
E' l'inizio di una storia, per chi percorrerà questo sentiero, l'inizio di una nuova avventura!
Siamo nello splendido Cadore, la parte più settentrionale della provincia di Belluno, uno dei territori alpini più belli d'Italia. Magico sia d'inverno che d'estate, dove si possono trovare monti come il Pelmo, l'Antelao e il Sorapiss.
Durante l'estate, in Cadore, grazie ai moltissimi sentieri, si può vivere a contatto con la natura fatta di laghi, distese di fiori, foreste, luoghi in cui è facile imbattersi in animali di quest'area.
Questa è un'escursione proprio in mezzo alla natura, diversa dal solito "andar per rifugi", e adatta proprio a famiglie con bambini.
Ci dirigiamo a Caralte, punto di partenza di questa giornata.
Seguiamo le indicazioni per gli impianti sportivi e arriviamo ad un parcheggio dove lasciamo la macchina e dove comunque la strada finisce e non si può proseguire, se non a piedi.
Un parco giochi per i bambini sulla sinistra e un libro gigante, sulla destra, con l'inizio della storia "I Suoni del Bosco", ci indicano l'inizio del sentiero dal quale prende il nome.
Il sentiero è una strada asfaltata in leggerissima discesa e lungo il tragitto si trovano sculture in legno di animali a grandezza naturale, con la particolarità che avvicinandosi o passandoci davanti, si attiva la riproduzione del verso dell'animale.
Le cronache narrano che, la Regina Margherita di Savoia amasse passeggiare lungo questo sentiero, tanto che verso la fine si può trovare il "Sass della Regina". Un masso a forma di trono di pietra dove la regina amava fermarsi per conversare.
Una volta terminato il tratto con le sculture degli animali, si continua sullo stesso sentiero, che diventerà una strada sterrata, sempre in discesa, ma con una pendenza più accentuata. Si arriverà ad un tratto quasi in piano, per poi cominciare a risalire, fino ad arrivare al magnifico ponte tibetano di Perarolo, quello che si vede dalla statale in direzione Cortina, dopo Ospitale e poco prima di Caralte.
Il ponte tibetano della Val Montina, una valle selvaggia e poco frequentata, collega le due sponde del torrente Valmontina.
A questo punto bisogna armarsi di coraggio, non soffrire di vertigini e cominciare a percorrerlo.
Un'avventura davvero emozionante per tutti.
Lungo il tragitto si trovano varie zone attrezzate con panchine e tavolini, per poter fare una sosta o un bel pic-nic.
Una volta terminata l'escursione i bambini potranno divertirsi al parco giochi vicino al parcheggio.
Il percorso è lungo circa 3 Km, solo andata, ed è percorribile anche con passeggino da trekking.
ATTENZIONE CHE: la parte fino alla fine del Sentiero del Bosco, non presente nessuna difficoltà, in quanto in discesa e su strada asfaltata, la difficoltà si potrebbe trovare nell'irta salita che porta al ponte tibetano. Non è impossibile, in quanto non lunga, è che con il passeggino si dovrà spingere parecchio.
Da lì si torna indietro fino a tornare al parcheggio.
______________________ SEGUICI SUI SOCIAL ____________________________
LASCIA UN COMMENTO
Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Non sono presenti ancora recensioni.
0
0
0
0
0

Questo sito usa il controllo anti-spam Captcha.
Dolomiti & Bambini
Copyright © 2019 - 2022 - All rights reserved
Torna ai contenuti